Anomadi-famiglia-giro-del-mondo-Scritta-Anomadi
Cerca
Close this search box.

Giro del mondo in famiglia: 2 anni di viaggio

Anomadi-famiglia-giro-del-mondo-2-anni-di-viaggio

Indice

Settecentotrentuno giorni in giro per il mondo.

Settecentotrentuno giorni lontani dal luogo dove siamo nati e vissuti per quasi 30 anni della nostra vita, anche se una di noi tre alla partenza ne aveva solo due di anni.

Settecentotrentuno giorni in cui parliamo una lingua che non è la nostra.

Settecentotrentuno giorni che mangiamo cibo che non assomiglia alla pasta al pomodoro o alla pizza (ah la pizza…).

Settecentotrentuno giorni in cui il nostro mezzo di trasporto principale sono i nostri piedi.

Settecentotrentuno giorni che dormiamo a casa di persone che fino a un giorno prima non conoscevamo.

Settecentotrentuno giorni di meraviglie, di animali visti nel loro habitat naturale, di conoscenze, di gioie e di difficoltà.

Settecentotrentuno giorni oggi, il 30 marzo 2024.

In questo articolo desideriamo condividere con te questi due anni di viaggio con i numeri, le esperienze ed i ricordi, quelli che sono rimasti scritti in noi.

Qui trovi il video in cui abbiamo ripercorso questi due anni di viaggio.

Ma ora mettiamo in pausa e torniamo a quel famoso 30 marzo 2022…

Come tutto è iniziato

Il giorno della partenza non è il vero inizio del viaggio.

Per noi l’inizio di tutto è stato circa tre anni prima, quando uno (o meglio dire “una”) di noi ha capito che qualcosa si era rotto (o forse non era mai stato intero) e che quella non era la vita che desiderava vivere.

Dopo alcuni anni anche un altro membro della famiglia ha sentito qualcosa rompersi dentro di sé e ha capito che quella non era nemmeno per lui la vita che voleva vivere.

E che dire della piccola unicornina rosa? Bè lei sognava (e sogna tutt’ora) di viaggiare nello spazio, ma quello era un po’ troppo “hardcore” per noi, e così abbiamo trovato il compromesso di visitare prima il Pianeta Terra e poi faremo una visita anche a Plutone e alla Luna (anzi, prima la Luna, Plutone può aspettare 😉)!

Se vuoi approfondire la nostra storia e le motivazioni che ci hanno portato a lasciare tutto e partire qui trovi il link al nostro articolo e qui ti lasciamo la playlist di YouTube in cui trovi tutti i nostri video in cui spieghiamo come abbiamo superato le nostre paure e abbiamo fatto il “grande salto”.

Giro del mondo: il nostro itinerario

Anomadi-famiglia-giro-del-mondo-2-anni-di-viaggio-itinerario

Organizzare un giro del mondo in famiglia ci ha richiesto un grande impegno (ma qui tra noi c’è una grande amante di questo argomento 😉!).

Una volta deciso che saremmo stati dei viaggiatori zaino in spalla (la nostra bambina inclusa) e che il nostro sarebbe stato un giro del mondo low cost, dovevamo occuparci di ogni particolare del viaggio, dalla scelta dell’assicurazione viaggio (indispensabile sceglierla bene, è la nostra migliore compagna di viaggio), alle carte migliori con cui viaggiare all’estero, passando per le vaccinazioni da fare prima di partire.

Ma soprattutto quale itinerario di viaggio seguire?

Noi abbiamo deciso che avremmo volato verso oriente, ma quali sono i Paesi che abbiamo visitato in questi due anni di viaggio?

Il totale è 19 Paesi sparsi su 4 diversi continenti: Israele, Palestina, Egitto, Giordania, Thailandia, Laos, Vietnam, Cambogia, Malesia, Filippine, Indonesia, Messico, Guatemala, Colombia, Ecuador, Brasile, Paraguay, Uruguay e infine Argentina (stiamo scrivendo questo articolo a Puerto Madryn, nella regione di Chubut).

Abbiamo attraversato 11 frontiere aeroportuali e 12 frontiere terrestri, sì perché alcune volte siamo entrati e usciti da un Paese più di una volta, ed abbiamo utilizzato 19 monete differenti, abituandoci ai diversi cambi valuta (grazie a questo meraviglioso sito, XE Currency, che veniva sempre in nostro soccorso).

Come ci spostiamo in giro per il mondo

Viaggiamo per conoscere veramente questo Pianeta, e per farlo abbiamo deciso di vivere come le persone locali: utilizzando i loro mezzi di trasporto, mangiando cibo tipico e dormendo nei quartieri più tradizionali.

E quindi come ci spostiamo in giro per il mondo?

Principalmente camminando, abbiamo percorso ad oggi più di 6000 km a piedi, e poi utilizzando i mezzi di trasporto più disparati!

E per l’esattezza sono stati 471!

Sherut (taxi condivisi della Palestina), taxi marini, scuolabus, treni, metropolitane, trolley (come vengono chiamati i bus urbani in Ecuador), autobus pubblici (i più numerosi, per un totale di 177), i chicken bus del Guatemala (e il nome scelto non è un caso, si viaggia davvero con i polli e le galline, noi abbiamo viaggiato per due ore accanto a dei pulcini, un viaggio molto rumoroso 😂!), i minivan del Laos, e poi i tuk tuk, l’autostop in America Latina, 6 biciclette, le navi veloci e anche quelle lente, traghetti, funicolari, i collectivos colombiani, i taf taf egiziani e anche una felucca, sempre in Egitto.

Questi sono i mezzi più originali che abbiamo utilizzato, ma ci sono anche gli aerei, che ci hanno permesso di volare per i tragitti più lunghi (come quello che ci ha portato da Bali a Puerto Vallarta), i passaggi in macchina con l’applicazione Blablacar in Messico, due auto prese a noleggio, gli skytrain all’aeroporto di Singapore e poi ancora scooter, catamarani e taxi.

Insomma, non ci siamo fatti mancare niente!

Amiamo provare cose nuove e chissà i prossimi anni di viaggio cosa ci riserveranno!

Dove abbiamo dormito in due anni di viaggio

Anche per gli alloggi, come per i trasporti, abbiamo seguito la nostra filosofia di viaggio: vivere il più possibile come la gente locale.

Abbiamo dormito molte volte a casa delle persone che ci offrivano ospitalità, attraverso applicazioni come Couchsurfing o Workaway, ed anche contatti presi direttamente con le persone che abbiamo conosciuto in viaggio.

Sono state 110 le camere in cui abbiamo dormito: stanze o salotti in case private, guest-house, ostelli, pousadas o piccoli alberghi.

16 gli appartamenti in cui abbiamo soggiornato.

3 le notti passate in aereoporto e 36 quelle trascorse sui sedili di autobus, aerei o minivan.

La nostra parola d’ordine è spirito d’adattamento!

Cosa abbiamo mangiato durante il nostro giro del mondo

Siamo dei grandi amanti della cucina ed assaggiare i piatti tipici è il nostro sport preferito!

Adoriamo il cibo di strada e nel sud-est asiatico questo è stato il nostro cibo quotidiano, dalla colazione alla cena.

Sono davvero moltissimi i cibi che abbiamo assaggiato nei sei mesi che abbiamo passato in viaggio in questa parte di mondo. Quella che abbiamo amato di più è la cucina malesiana, con la sua influenza indiana e dei paesi confinanti, ma anche il mee goreng di Bali non lo dimenticheremo con facilità!

I più strani che Mirko ha provato (io e Rebecca abbiamo deciso di astenerci🤣!) sono certamente gli insetti in Thailandia (qui trovi il video) e il balut nelle Filippine.

In Israele, Palestina e Giordania abbiamo fatto volontariato in cambio di vitto e alloggio ed il cibo che ci preparavano ogni giorno era incredibile. I preferiti della famiglia sono: l’hummus, il koshary e il mashi.

E in America centrale e America Latina?

Anche qui il cibo di strada è molto diffuso, ma è anche molto comune avere a disposizione dei fornelli per cucinare. È così che Mirko (il cuoco ufficiale della famiglia) ha cucinato i piatti italiani che ci mancavano di più.

Tra i piatti locali più particolari che abbiamo assaggiato ci sono: le chapuline del Messico e la hormiga culona della Colombia.

In Brasile abbiamo assaggiato il tradizionale churrasco ed il brigadeiro mentre in Argentina abbiamo perso il conto degli asado a cui siamo stati invitati!

Tra le bevande il mate argentino e il tererè del Paraguay sono dei veri e propri rituali a cui noi abbiamo partecipato molto volentieri!

Chi ha “camminato” con noi

Siamo partiti solo in tre per questo giro del mondo formato famiglia, ma non abbiamo camminato soli per le vie del mondo.

Abbiamo riempito fogli interi con i nomi delle persone che abbiamo conosciuto in viaggio e che, anche solo per qualche ora, hanno condiviso con noi questa grande avventura.

Eppure, con noi non ci sono stati solo esseri umani, ma anche innumerevoli animali di specie differenti che abbiamo ammirato e conosciuto nella loro casa: i coloratissimi ara e tucani brasiliani, la fauna pazzesca delle isole Galapagos (leoni marini, foche, mante, squali, sule piediazzurri, fregate, ecc.), i pinguini di Magellano dell’Argentina, i pesci della barriera corallina egiziana, i fenech del deserto della Giordania e tutti i piccoli e grandi pennuti che abbiamo ammirato ad ogni latitudine del globo.

E la grande bellezza è stata proprio poterli vedere in libertà, così come tutti gli animali dovrebbero essere.

Le meraviglie del mondo

Anomadi-famiglia-giro-del-mondo-2-anni-di-viaggio-le-meraviglie

Abbiamo perso il conto delle meraviglie che abbiamo visto in questi due anni di viaggio.

La classificazione moderna definisce che sono 7 le meraviglie del mondo e noi, di queste, ne abbiamo viste attualmente 4: il Colosseo a Roma, Petra in Giordania, le piramidi Maya di Chichen Itza e il Cristo Redentore di Rio de Janeiro (mancano all’appello Machu Pichu in Perù, il Taj Mahal in India e la Muraglia Cinese in Cina, per sapere quando viaggeremo in questi luoghi iscriviti alla nostra newsletter, ogni settimana per te colori e profumi dal mondo!).

Le piramidi di Giza sono l’unica meraviglia del mondo antico ancora esistente, che abbiamo avuto il piacere di ammirare da vicino e da ogni angolazione durante il nostro soggiorno in Egitto.

Crediamo che questa classificazione escluda, però, alcune meraviglie che ci hanno lasciato a bocca aperta per la loro bellezza, come il sito di Angkor Wat in Cambogia che è però inserita tra i patrimoni dell’umanità dall’Unesco.

Proprio di questi ultimi siamo attualmente a quota 90 siti visitati in giro per il mondo.

I siti totali sono più di 1300, ne abbiamo ancora diversi da ammirare 😊, ma non abbiamo fretta, e uno dei nostri desideri inseriti nella bucket list (la lista delle cose da fare prima di morire) è proprio questo: visitare tutti i siti UNESCO.

E ora?

La verità è che non vogliamo solo vedere tutti i siti UNESCO del mondo, ma anche tutti i Paesi di questo incredibile Pianeta in cui viviamo.

Insomma, ne abbiamo ancora di strada da fare 😉!

Sono due anni, ma siamo solo agli inizi.

Non siamo stanchi di camminare per le vie sconnesse, impolverate e talvolta sporche di questo mondo.

Questi sono solo numeri, che nascondono infinite avventure all’interno della nostra Grande Avventura.

Ti lasciamo con questa frase che abbiamo fatto nostra e che racchiude, per noi la vera essenza del viaggio:

Viaggiare non è sempre bello. Non è sempre comodo. A volte fa male, ti spezza persino il cuore. Ma va bene così. Il viaggio ti cambia; deve cambiarti. Lascia segni sulla tua memoria, sulla tua coscienza, sul tuo cuore e sul tuo corpo. Porti qualcosa via con te. Sperando di lasciare anche qualcosa di buono indietro” – Anthony Bourdain

Segui da vicino la nostra grande avventura, iscriviti alla nostra newsletter Cartolina!

Se ti è piaciuto questo articolo puoi sostenerci su Ko-fi.

Questo articolo contiene link di affiliazione

CONDIVIDI ARTICOLO:

Ti potrebbe interessare anche:

Anomadi-famiglia-giro-del-mondo-lasciare-tutto-e-partire-copertina
Diario

Lasciare tutto e partire

Lasciare tutto e partire. Come e perché abbiamo preso la decisione di mollare tutto e partire con una bambina di due anni. Diario di viaggio giorno -93